La stagione delle arance è aperta: scatenatevi con spremute d’arancia, torte e piatti salati.

Oggi vogliamo parlarvi di questo agrume, sappiamo che troverete tantissime varietà nel banco frutta Lidl, perciò vogliamo darvi 3 regole per diventare dei veri intenditori di arance e non solo. Noi di Myfoody abbiamo anche una ricetta  nella manica da consigliarvi!

Arance: Varietà e proprietà

Arance: come riconoscerle

Partiamo dalle basi: esistono tantissime varietà di arance ma quelle più famose le trovate in questa lista. Certo, per riconoscere al meglio le differenze dovrete assaggiarle tutte e non sarà un sacrificio, anzi!

Ecco le varietà più famose con le caratteristiche per riconoscerle.

  • Sanguinello: arancia rotonda e molto succosa
  • Tarocco: arancia rotonda e priva di semi
  • Newhall: arancia ovale, abbastanza dolce e priva di semi
  • Valencia: arancia rotonda, molto succosa e priva di semi
  • Washington Navel: arancia rotonda con ombelico e gusto dolce
  • Ovale: arancia con buccia sottile e polpa succosa

 

Arance: una valanga di proprietà nutritive

Ma qualunque sia la varietà, perché fa bene mangiare le arance?

Su una vitamina siamo tutti preparati: l’arancia è ricchissima di Vitamina C, la responsabile del rafforzamento delle nostre difese immunitarie e dell’azione antiossidante.

Ma non finisce qui, le arance sono ricchissime di bioflavonoidi, sostanze che contribuiscono al rafforzamento delle ossa, dei denti, delle cartilagini e dei legamenti.

Se acquistate arance non trattate potrete sfruttare al meglio anche le proprietà della buccia magari nel dessert che vi consigliamo!

Ricettina per realizzare le scorze di arancia candita

Vasetto con arance candite

Vi serviranno solo tre ingredienti che sicuramente avrete in casa: buccia delle arance, acqua e zucchero.

Potrete mangiare le scorze di arancia candita come snack oppure per decorare i dolci che avete intenzione di preparare a Natale.

Per eliminare l’amaro delle arance alcuni vi consiglieranno di bollirle più volte. Si può fare, ma abbiamo un altro trucchetto: tenetele in ammollo in acqua per più di 1 giorno e poi il procedimento sarà tutto in discesa!

Ingredienti per 300 gr di scorze candite

  • scorze di arancia di minimo di 2 arance
  • acqua pari al peso delle scorze di arancia ammorbidite
  • zucchero pari al peso delle scorze di arancia ammorbidite

Procedimento

Tagliate della dimensione che volete la buccia delle arance: striscioline, cubetti o anche bucce intere.

Lasciatele in ammollo dai 4 ai 6 giorni a temperatura ambiente, senza coprirle se non con uno scottex. Dovrete solo dimenticarle per qualche giorno: non sarà difficile!

In questo modo avrete eliminato l’amaro delle scorze senza aver consumato gas e tempo necessario per bollirle.

Dopo i 6 giorni, sgocciolate le bucce, pesatele e riponetele in una padella. Aggiungeteci acqua e zucchero di pari peso. Lasciate bollire il composto per circa 15 minuti. L’obiettivo di questo passaggio è far sì che l’acqua si prosciughi e che le scorze di arancia risultino lucide e caramellate. Potreste aver bisogno anche di 5 o 6 minuti.

Disponete le scorze su un vassoio e distanziatele tra di loro. Lasciatele raffreddare e asciugare per circa 1 ora.

Le vostre arance candite sono pronte per essere gustate o conservate.

Per quanto tempo vi starete chiedendo? Ecco subito la risposta: se conservate in un contenitore a chiusura ermetica avranno una vita di almeno 6 mesi.

Enjoy il buono di stagione di novembre!